domenica 20 gennaio 2013

Recupero di un tavolino trovato in discarica, con il mosaico


Il tavolino prima della cura
 Questo tavolino da salotto in legno è stato salvato in extremis un anno fa proprio nel posto dove vanno a finre tutti gli oggetti che non servono più: in discarica.
A dispetto dell' impiallacciatura tutta scrostata, la sua struttura era molto solida e stabile.
Dopo aver tolto il rivestimento per procedere alla decorazione, mi sono accorta che la superficie era però molto irregolare, quindi poco adatta ad una decorazione "liscia".
Ho pensato quindi di realizzare un mosaico di recupero, utilizzando cioè piattini di tazzine e piatti ormai spaiati e sbeccati per realizzare le tesserine.


Il tavolino dopo la cura
Ho scelto dei motivi decorativi semplici, cioè onde e cerchi (anche perchè è stato il mio primo esperimento di
mosaico) e ho lasciato la forma e la dimensione delle tessere molto irregolare.
Ho incluso anche elementi trovati casualmente, come per esempio le tesserine che formano il contorno: delle vecchie piastrelline ormai consumate e usurate da molti anni trascorsi in mezzo alla ghiaia di un cortile.
Per le gambe è bastata una mano di impregnante per legno.





Particolare della fascia marrone e del fiore.
In questa foto si vede il particolare della striscia marrone: è fatta con il fondo dei piattini di tazzine da caffè, di tre gradazioni di colore diverse. La riga bianca crea un ulteriore motivo ondulato.
Inoltre si vede più da vicino il fiore blu, elemento che si differenzia da tutto il resto della decorazione e che dà il nome al tavolino.









Con questo post partecipo al Linky Party di Annina
per festeggiare i suoi primi 100 followers






12 commenti:

  1. anche per questo complimenti. mi piace molto. Fra

    RispondiElimina
  2. Se tu i piatti rotti li ricicli così, io sono senza parole!!!!! :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...è anche liberatorio farli a pezzi. =)

      Elimina
  3. che bello, non ho mai fatto dei mosaici ma mi piacciono moltissimo, complimenti Milly

    RispondiElimina
  4. Spettacolo! Davvero un ottimo risultato ed è il tuo primo tentativo!!!
    MammaNene

    SergerPepper.blogspot.it

    RispondiElimina
  5. Questo tavolino è bellissimo! Complimenti!

    RispondiElimina
  6. Danielaaaaaaa!!!!!!
    che C A P O L A V O R O !!!!!!!!!!
    non so se ti arriverà questo commento, dato il tempo trascorso, ma credo e spero di sì!
    è ...è ..... è fantastico spettacolare sublime bellissimo meravigliosamente unico e stupendo e e e e e continuerei all'infinito! lo sai!!!!
    ma sai che lo avevo visto in giro per il web.... tempo fa....credo su pinterest (è possibile?) ma ancora non ci "conoscevamo" ....e ora ho appena scoperto che è tuoooooo!!!!!! ma come hai fatto?!?!!????
    va beh....lo so come ...ho letto.....ma ....ma .....ma quanto brava sei ?!?!?!?!?
    Qui una volta di più mi inchino alla tua bravura e alla tua fantasia e alle tue innumerevoli capacità e al tuo saper spaziare in ogni campo della manualità......
    davvero davvero bravisssssssimaaaa!!!!

    RispondiElimina
  7. Ma è fantasticooooooooooo!!!
    Sei stata eccezionale... Che bella soddisfazione riciclosa ^_^
    E poi è il primo!
    Cosa hai usato per far aderire le tessere?
    Baci.

    Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mel, ti ringrazio, sono contenta che ti sia piaciuto. =)
      Per incollare le tessere di ceramica ho usato della colla universale, tipo "attacca-tutto"; le ho attaccate su un disegno di massima precedentemente tracciato, poi quando è stato completato (ci sono voluti diversi giorni) ho cementato tutte le fughe con la malta (come si fa con i mosaici veri), cioè un miscuglio di acqua, cemento e sabbia. Se non ricordo male, dato che è tanto che non mi dedico al mosaico, le proporzioni sono: 3 parti di sabbia, 1 di cemento e 1 di acqua.

      Elimina

Grazie per il tuo tempo dedicato a lasciarmi un commento.
La tua opinione è preziosa affinché questo blog possa migliorare.
Leggo con vero piacere tutti i messaggi; rispondo direttamente via mail a ciascuno (perchè ciò sia possibile, controlla di non essere "no-reply").
Rispondo sul blog a domande precise la cui risposta potrebbe essere utile anche per altri lettori.
Daniela

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...