venerdì 22 luglio 2016

Il nostro pond, parte 1: come abbiamo allestito l'esterno

Finalmente eccola qui, la nuova grande e confortevole casa per i nostri pesci rossi: un pond


Ho deciso di utilizzare la parola inglese "pond", perché identifica meglio il concetto rispetto a "laghetto"; quest'ultima infatti si riferisce al classico specchio d'acqua scavato nel terreno, delimitato da sassi e/o vegetazione di vario tipo, mentre quella del pond è un'idea molto più ampia e variamente interpretabile, perché si riferisce alla creazione di ambienti acquatici di varie fogge e dimensioni (molto spesso infatti si tratta di mini-pond), allestiti nei più svariati contenitori, con piante e animali acquatici, posizionabili sia in luoghi chiusi che all'aperto, su balconi, terrazzi e nei giardini anche molto piccoli, come il mio.

Nonostante la meticolosa selezione, le foto dei vari passaggi della costruzione sono rimaste comunque tante; per questo ho pensato di raggrupparle in alcuni collage, ma chi volesse vederle singolarmente e ingrandite può farlo attraverso il relativo album su Flickr.
Ho inoltre diviso l'argomento in due post-capitoli: in quello di oggi mostrerò come abbiamo allestito l'esterno, mentre nel prossimo parlerò della parte interna che, soprattutto nel caso siano presenti anche dei pesci, è molto importante perché ci sono delle condizioni da rispettare.
A questo proposito, vorrei aprire una parentesi: dato che era da molto tempo che accarezzavo l'idea di realizzare un laghetto in giardino mi sono molto documentata su internet, e ho anche creato una bacheca su Pinterest dedicata interamente a questo argomento, nella quale ho raccolto molte idee. Però spesso "molte idee" vuole anche dire "molta confusione", quindi sono stati fondamentali i preziosi consigli trovati presso un negozio specializzato in acquari (www.discusfantasy.net), che hanno saputo rispondere con disponibilità e competenza alle mie molte domande.

Ma vediamo come è fatto il nostro pond: tutto è cominciato con uno scavo nella zona del nostro piccolo giardino prescelta per ospitarlo.

2. scavo e posizionamento contenitore

Il recipiente che abbiamo utilizzato come base è un raccoglitore per l'acqua piovana, comprato per l'occasione, nonostante avessi meditato a lungo su vari tipi di contenitori di recupero. Per esempio, mi intrigava molto l'idea di utilizzare dei vecchi pneumatici da trattore o camion, ma volevo essere certa che il materiale fosse sicuro, sia per i pesci che avrebbe dovuto ospitare all'interno che per la terra circostante. Immagino quindi che un contenitore appositamente creato per raccogliere e riutilizzare l'acqua piovana in giardini e orti, non rilasci sostanze tossiche né all'esterno né all'interno.
Il nostro ha una capacità di 200 litri, misura 65 cm di diametro e 85 cm di altezza. L'abbiamo interrato solo per circa la metà, facendo attenzione a riempire bene con la terra lo spazio intorno alle pareti esterne, bagnando con l'acqua e comprimendo bene con un bastone per compattare il più possibile.

3. rivestimento parte esterna

Poi abbiamo rivestito la parte del contenitore rimasta esposta fuori terra con dei mezzi tronchetti di legno; questi hanno sia scopo decorativo che di protezione della plastica, per mitigare sia l'azione riscaldante del sole d'estate che quella del gelo in inverno. Sotto ai tronchetti abbiamo posizionato dei sassi piatti di serizzo (avanzati anni fa dalla costruzione del camino) per non metterli direttamente a contatto con la terra, rimandando in questo modo il loro deperimento.
Dove si interrompe il giro di mezzi tronchetti abbiamo sistemato un grosso e bizzarro legno, recuperato un paio d'anni nella buzza, ossia l'insieme di piccoli legnetti e grossi tronchi che si accumula sulla superficie del lago in seguito a periodi di forti piogge e che pian piano vengono sospinti e depositati sulle spiagge. L'avevo preso perché mi ispirava... e finalmente ha trovato il suo scopo.
Attorno al simpatico pezzo di legno abbiamo posto alcuni sassi recuperati in diverse spedizioni al fiume, intraprese proprio per scovare gli esemplari giusti, ognuno dei quali scelto avendo bene in mente dove sarebbe andato a posizionarsi.
La "coda" di sassi che si vede nella foto in basso a destra del collage qua sopra, serve per coprire e riparare il filo elettrico della pompa sommersa da mani e zampe indiscrete e soprattutto dall'azione del decespugliatore.

4. movimento acqua

Ed ecco a cosa serve la pompa sommersa di cui parlavo: prima di tutto a filtrare l'acqua per mantenerla pulita, e allo stesso tempo a creare dei giochi d'acqua, che non sono solo decorativi.... come vedremo nel prossimo post.
Il meccanismo della fontanella centrale è un accessorio della pompa stessa, mentre la cascatella laterale è opzionale e si può realizzare a proprio piacimento.

5. foratura bottiglia per cascata laterale

Noi abbiamo scelto di ri-utilizzare una bottiglia di vetro a forma di ampolla, ex confezione di una grappa. Ovviamente è stato necessario forarla e per farlo Luca ha usato un piccolo trapano per hobbystica, procedendo molto lentamente e avendo cura di mantenere bagnati sia la punta del trapanino che il vetro stesso, per evitare dannosi surriscaldamenti.
Nonostante le accortezze, dopo un po' lo spesso vetro del fondo della bottiglia ha iniziato a creparsi, perciò non è stato possibile raggiungere il diametro del foro necessario ad introdurvi il tubo di gomma che collega la bottiglia alla pompa.

6. fissaggio bottiglia per cascata laterale

Abbiamo allora aggirato il problema collegandovi un pezzo di plastica ricavato da un piccolo imbuto inutilizzato e legato con un segmento di fil di ferro annodato.
Infine abbiamo fissato la bottiglia al tronco di legno mediante un gancio a vite.

7. posizionamento tubo per cascata laterale

Nella foto qua sopra si vede il sistema con il quale abbiamo installato il tubo di gomma: con un coltello appuntito e affilato abbiamo creato un foro nella parte superiore del contenitore di plastica, vi abbiamo fatto passare il tubo collegato alla pompa, abbiamo fatto girare quest'ultimo esternamente attorno al tronco e poi l'abbiamo inserito nel fondo della bottiglia. Una volta posizionati i sassi di fiume, il tubo resta quasi interamente nascosto.

Il lavoro strutturale/decorativo esterno è praticamente finito...

8. ombreggiare quando fa caldo

...non resta che posizionare un ombrellone per ombreggiare lo specchio d'acqua nelle ore più calde del periodo estivo...

9. pescatore i fil di ferro e plastica

...e uno strano personaggio appollaiato sul tronco di legno, che fa (rigorosamente) finta di pescare. Il pescatore è modellato a mano, con una struttura di fil di ferro zincato; me lo immaginavo interamente fatto di ferro, ma in quel modo non era molto visibile e si mimetizzava troppo nell'ambiente circostante. Allora per il corpo ho pensato di usare un ritaglio di plastica bianca, ricavato da un flacone di shampoo, l'ho forato lungo il bordo con l'attrezzo che si usa per forare le cinture, e l'ho "cucito" alla struttura di metallo con del fil di ferro sottile.
La canna da pesca è fatta con un rametto proveniente dalla potatura del pero (il cui tronco si vede sullo sfondo) e la lenza è un pezzo di spago dal quale penzola un piccolo amo di fil di ferro.

Al prossimo post, con la descrizione dell'allestimento interno. =)


26 commenti:

  1. Wow!! Cuánto trabajo!! En la primera parte has tenido muy buena idea, y el pescador está muy simpático. Abrazos

    RispondiElimina
  2. I pesci rossi saranno entsiasti della doro nuova casa!!! Sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  3. Dani è stupendo! Se un giorno avrò un pezzetto di giardino tutto per me, o i miei vicini mi lasceranno organizzare quello piccolo che abbiamo in comune, prenderò sicuramente spunto da questo tuo bellissimo post! Aspetto di leggere la seconda parte e mi guardo tutte le tue foto. Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Una meraviglia, un lavoraccio, una soddisfazione. Chissà i pesciolini come saranno contenti :)

    RispondiElimina
  5. Cara Daniela, ho seguito con interesse tutte le foto, e posso dire che la tua capacità e genialità supera ogni mia fantasia, sei grande! Complimenti!!!
    Ciao e buon fine settimana cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. BELLISSIMO SEI DAVVERO BRAVA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  7. Daniela, che splendido lavoro! Personali e belli i complementi per abbellire: il tronco bizzarro, il pescatore, la fontanella . Bellissimo lavoro e fortunati i tuoi pesciolini.
    Un ringraziamento ai mariti che ci assecondano nelle nostre scorribande creative.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  8. ma che bello!!!!complimenti!!!!!
    un abbraccio simona

    RispondiElimina
  9. E' un MINI-POND bellissimo. Mi piace tutto, dall'uso dei materiali all'idea del pescatore.
    Grazie a te e alle tue spiegazioni mi sento molto più acculturata.
    A presto
    Nunzia

    RispondiElimina
  10. B E L L I S S I M O ! ! !
    Se avessi un giardino lo vorrei anch'io e se nasco un'altra volta voglio essere un pesciolino nel tuo 'pond'.
    Bravissima ^__^

    RispondiElimina
  11. Che lavorone Dani! Mi sembra riuscitissimo :)
    Mi piace questo progetto peccato che non ho un giardino!
    Simpatico anche l'omino in fil di ferro.
    Complimenti, sei davvero brillante :)
    Un abbraccio
    Marina

    RispondiElimina
  12. sei incredibile ... un progetto assolutamente fantastico....mamma mia che cosa sublime mi piace troppo sarà che adoro i pesciolini e il tocco dell'omino di ferro una genialata pazzesca mi ricorda l'omino coi baffi di una ben nota caffettiera ....troppo brava Dani ti adoro ... bacio

    RispondiElimina
  13. Immagino sia stato un lavorone,ma il risultato è spettacolare bravissimi tutti!!

    RispondiElimina
  14. Dani, la vostra creatività e fantasia non ha limiti!
    Ma quanto siete stati bravi?
    Complimenti veramente!
    Aspettiamo il seguito!
    Un forte abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  15. Cara Dani, ho un debole per laghetti, vasche e ......pond (che non conoscevo) è da tanto che cerco di far capire a mio marito che vorrei anch'io qualcosa del genere ma niente da fare, io ho un misero mastello con delle ninfee che non ha nulla a che vedere con siffatta meraviglia!!! quante belle immagini e che brava sei stata, dopo mi leggo bene tutto.....dei tuoi lavori non me ne perdo uno anche se a volte non ho tempo dispondere ...'sta settimana poi, tutti con febbre, tosse ecc. caspiterina!
    un bacione e sempre complimenti,
    laura

    RispondiElimina
  16. Veramente, veramente bello. Complimenti a te e a tuo marito. Il pescatore è veramente una chicca. Bacioni. Lella

    RispondiElimina
  17. Ecco come la creatività diventa poesia, sei davvero fantasticaaaaa !
    I tuoi pesciolini sono davvero fortunati, altro che una boccia di vetro .....questa è una reggia!
    Bravo e paziente anche il marito.
    Gio

    RispondiElimina
  18. Dani, un progetto molto laborioso di tutto rispetto! L'omino stilizzato che pesca è l'ennesima genialata. Baciii, Sabrina

    RispondiElimina
  19. Ciao
    un grande lavoro, complimenti.

    RispondiElimina
  20. Grandioso!!! Immagino la fatica che sta dietro a questo straordinario progetto e la pazienza nel realizzare tutto al millesimo!
    Ho seguito tutti i passaggi con molto interesse perchè ho un piccolo giardino e l'idea di un piccolo specchio d'acqua mi è sempre piaciuta, non avevo mai pensato alla soluzione di poter inserire un contenitore di plastica nel terreno, pensavo sempre che si dovesse fare una gettata in cemento e quindi ho sempre abbandonato l'idea. Questo tuo progetto mi ha dato lo spunto e la soluzine giusta e ti ringrazio tantissimo.
    Il pescatore è " TROOOOPPOOOO FOOORTEEEE!!! Mi piace un sacco!!
    Bravissimi tutti in famiglia!
    Complimenti!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  21. Bellissimo Dani!!!!!
    Grande lavoro, complimenti!
    L'omino pescatore mi piace un sacco :D
    E anche il tronco preso dalle spiagge del lago (non sapevo si chiamasse buzza!!!) è molto bello e particolare.
    Altro dettaglio molto carino è il fiore a mosaico sulla pietra :-)
    Grazie per il dettagliato tutorial....anche noi da molto tempo pensiamo di allestire in giardino un laghetto con piante acquatiche e quando lo faremo saranno molto utili i tuoi suggerimenti e le tue idee creative dalle quali prenderò certamente spunto!
    Aspetto il prossimo post per l'allestimento dell'interno.....
    Un caro abbraccio
    Serena

    RispondiElimina
  22. Veramente molto molto bello.
    Bravissimi tutti!
    Fernanda

    RispondiElimina
  23. Bravissima!!!!
    è davvero un'opera d'arte!!! i tuoi pesci penseranno di abitare in una villa!!! ahahahhah!!! e ricordati se ti servono consigli, chiedi pure!!!
    ciao
    Veronica

    RispondiElimina
  24. Come sempre cara Dani ti sei superata e dire che ormai dovrei saperlo bene che sai fare solo meraviglie!!!!!!!!!!!!!
    Complimenti sinceri e un grande applauso a tutti coloro che hanno realizzato una simile meraviglia!!
    Grazie della condivisione nella mia community!!!
    Kissssssssssssssssssssssssss

    RispondiElimina
  25. Ma guarda che roba! Fortissimo! Siete geniali, una famiglia che adoro! :D
    Roby

    RispondiElimina
  26. Confermo, è proprio un bel lavoro!
    Carinissimo anche il "pescatore" finto.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina

Grazie per il tuo tempo dedicato a lasciarmi un commento.
La tua opinione è preziosa affinché questo blog possa migliorare.
Leggo con vero piacere tutti i messaggi; rispondo direttamente via mail a ciascuno (perchè ciò sia possibile, controlla di non essere "no-reply").
Rispondo sul blog a domande precise la cui risposta potrebbe essere utile anche per altri lettori.
Daniela

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...