mercoledì 27 aprile 2016

Recupero di un vaso rotto di terracotta con un mosaico di recupero; tutorial fotografico passo passo

Nell'ultimo post avevo accennato al fatto che sono alle prese con alcuni lavori lunghi. Quello che mostro oggi è uno di questi: un vaso di terracotta rotto (in più punti) che ho recuperato riciclando pezzi di piastrelle e di stoviglie rotte, molte delle quali trovate sulla spiaggia del lago, come quelle della campana a vento di qualche post fa.


Non è la prima volta che mi cimento con questo tipo di lavoro; anni fa ho imparato la tecnica di base del mosaico grazie ad un manuale ("MOSAICI" di Elaine M.Goodwin, ed. DeAgostini, collana "Idee per creare") e il mio primo "prodotto" è stato il tavolino trovato in discarica, il secondo la fontana da giardino e poi... e poi mi sono fermata, fino ad ora. 
Il motivo è che si tratta di un lavoro piuttosto lungo, per il quale è preferibile (anche se non indispensabile) avere uno spazio dedicato da poter sporcare in libertà e nel quale poter lasciare il lavoro "apparecchiato" fino al suo completamento. Ecco perché preferisco dedicarmici nella bella stagione e all'aperto... ma bisogna contemporaneamente avere il tempo e l'ispirazione necessaria... elementi che non sempre coincidono.
Comunque, questa rara combinazione astrale si è finalmente ripetuta e questa volta ho anche fotografato le varie fasi della lavorazione, se qualcuno volesse provare questa gratificante, versatile ed antica tecnica.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 2

Per il mosaico classico ci sono un'infinità di tipi di tessere che si possono acquistare già pronte; io però preferisco usare (come sempre) materiali di recupero, anche se presentano la difficoltà di non avere spessori e consistenze uguali. Ma in questo caso, questo aspetto mi è tornato persino utile.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 3

Infatti, il mio vaso presentava  delle profonde crepe e scheggiature; così ho cominciato proprio da quei punti ad incollare i cocci più spessi. In generale, per incollare le tessere da mosaico, si possono usare diversi tipi di colla, da quella vinilica a quella tipo "attacca-tutto", fino a quelle cosiddette "di montaggio".
Per i mosaici su superfici piane vanno benissimo le prime due, mentre per quelli su superfici curve e/o tridimensionali (come quella del vaso in questione) sono più indicate le ultime perché hanno una presa con effetto "a ventosa", che mantiene in posizione la tessera pur rimanendo riposizionabile per qualche minuto.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 4

Per tagliare e sagomare le tessere, in modo da adattarle allo spazio da ricoprire, si può usare una tenaglia o, meglio ancora, la pinza per mosaico (che io però non ho mai trovato), ovvero una sorta di tenaglia con un molla tra i manici. In entrambi i casi... seguite il consiglio della foto qua sopra. ;)

vaso terracotta con mosaico ricicloso 5

Bisogna ricoprire tutta la superficie incollando le tessere, senza preoccuparsi troppo se si vede la colla tra una e l'altra, tanto poi le fughe verranno riempite con la malta. Per questa operazione bisogna attendere che la colla sia completamente asciutta, cioè almeno qualche ora, ma leggete le indicazioni riportate sulla confezione.
Le tessere si possono disporre in modo regolare, tagliandole in forme e grandezze simili, soprattutto se si intende comporre un disegno o una geometria; oppure si possono accostare in modo irregolare se, come in questo caso, lo scopo principale è quello di riciclare materiali di recupero e creare un semplice accostamento di forme, colori e fantasie diverse.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 6

Una volta che la colla si è completamente asciugata, si passa a stuccare le fughe, cioè gli spazi tra una tessera e l'altra; più saranno distanziate e più si avranno fughe di larghezza maggiore, e viceversa.
Bisogna preparare una malta seguendo le proporzioni indicate nella foto qua sopra; in una ciotola si mescolano tra loro prima i due ingredienti secchi, a parte si prepara la miscela di acqua e colla vinilica, e poi la si versa nella polvere di sabbia e cemento impastando velocemente con una cazzuola, oppure con le mani protette dai guanti. La colla vinilica è indispensabile per far sì che la malta aderisca su superfici alle quali normalmente il cemento non si attacca, come per esempio il legno.
Ovviamente, per tutte queste operazioni, è meglio utilizzare recipienti e strumenti da dedicare solo a lavori creativi, oppure usa&getta.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 7

La malta ottenuta deve avere una consistenza piuttosto densa; se fosse troppo liquida potrebbe creparsi in fase di asciugatura, ma se fosse troppo dura farebbe fatica a riempire profondamente le fessure tra i cocci.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 8

Per mosaici su superfici piane la malta può essere stesa con strumenti come spatole o tergi-vetro; per oggetti tridimensionali e soprattutto con tessere di spessori diversi, è meglio applicarla direttamente con le mani protette dai guanti, spalmandola su tutta la superficie, "massaggiando" bene e insistendo sulle fughe per farla penetrare in profondità.
Una volta ricoperta tutta la superficie, bisogna cercare di rimuovere l'eccesso di malta in corrispondenza delle tessere e di livellare il più possibile le asperità tra una e l'altra, soprattutto in caso di cocci con spessori diversi.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 9

A questo punto, la parte più lunga del lavoro è conclusa; bisogna aspettare i tempi necessari per la completa asciugatura della malta, che deve avvenire lentamente per evitare eventuali crepe. Per questo motivo si lascia riposare il mosaico coperto da un foglio di plastica (io ho usato un sacco della spazzatura) per 3-4 giorni.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 10

Trascorso questo tempo, si può scoprire il lavoro e lasciare ancora a riposo per altri 1-2 giorni. Si presenterà però con le tessere velate da una patina di cemento, come si vede nella foto qua sopra.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 11

Per rimuoverla, bisogna spennellare tutta la superficie con una soluzione di acqua e acido cloridrico molto diluita, preparata seguendo le dosi indicate nella foto qua sopra. Il pennello appare rosso perché è vecchio e usato per precedenti lavori, ma la soluzione è completamente trasparente.
E' bene ricordare le seguenti precauzioni di impiego:
- proteggere il piano di lavoro, le mani, gli occhi e gli abiti,
- usare strumenti e recipienti usa&getta o dedicati esclusivamente a lavori di bricolage,
- eliminare immediatamente eventuali residui della soluzione,
- ripulire subito dopo l'uso strumenti, recipienti e piano di lavoro.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 12

La soluzione per la pulitura del mosaico ha un effetto blandamente effervescente che scioglie la patina di cemento; può essere necessario però agire anche meccanicamente strofinando una spugnetta abrasiva (da usare solo per questi lavori), soprattutto in caso di superfici ruvide ed irregolari, come nel caso dei miei cocci riciclati.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 13

Una volta ripulito il mosaico, è necessario sciacquarlo molto bene con abbondante acqua corrente in modo da eliminare completamente qualsiasi residuo della soluzione di pulitura.

vaso terracotta con mosaico ricicloso 14

E finalmente il lavoro è terminato; la cosa bella è che il mosaico ha una lunga durata, è resistente, è adatto sia per ambienti interni che esterni, e non ha bisogno di particolari manutenzioni e cautele.

Io userò questo vaso come piedistallo di un altro vaso, e per questo motivo l'ho fotografato sempre in posizione capovolta e non mi sono preoccupata troppo di rifinire in modo più preciso i bordi. Ma i bordi sono il punto più delicato di qualsiasi mosaico, quindi è bene porre attenzione a compattare e livellare bene la malta, soprattutto se il vaso decorato in questo modo sarà soggetto a spostamenti frequenti o se semplicemente avrà i bordi in bella vista.

Allora, vi è venuta voglia di provare?
A presto! =)



20 commenti:

  1. Io non amo particolarmente i mosaici "classici" ma questo tuo sì, lo trovo molto interessante, originale e anche artistico, super complimenti!!

    RispondiElimina
  2. E' stupenda questa tecnica del mosaio!!! il tutorial passo passo è utilissimo e ti ringrazio tantissimo di averlo condiviso con noi.
    Un abbraccio e buona giornata
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Io non sono molto portata verso questi lavori di alta precisione ma devo ammettere che mi darebbero tanta soddisfazione. Infatti cara Dani ti faccio un mondo di complimenti, questo lavoro è davvero stupendo. Bacioni

    RispondiElimina
  4. Si anche io tempo fa ho realizzato dei mosaici con delle vecchie mattonelle ...
    Il tuo mi piace tantissimo.
    ciao ^__^

    RispondiElimina
  5. Ma non divento noiosa a dirti che sei super bravissima???????? :)))
    lavoro eccezionale!

    RispondiElimina
  6. Effetto sorprendente, davvero un bellissimo riciclo!!
    Grazie del tutorial.

    RispondiElimina
  7. QUANTA PAZIENZA E IL RISULTATO SI VEDE, CHE MERAVIGLIA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  8. Daniela ... favoloso il tuo vaso ora ... mi piace terribilmente tanto che mi hai fatto venire la voglia folle di scaraventare qualcosa giù dal balcone ... no mio marito ... lui è a tinta unita ... qualcosa dovrò rompere no??? ...divina ... che paura però che mi fa l'acido cloridrico ....mi intossico sempre ...va a finire che fondo pure io ....ma ci provo veh..? ... bacioooooooooooooooo

    RispondiElimina
  9. Ma come sono belli!!! cara Daniela vengono perfetti e fanno un figurone!!!
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Certo che hai veramente tanta pazienza Dani! A me spesso difetta!
    È veramente un lavorone ma porta ad un risultato splendido e mi piace molto l'idea di utiluzzare materiale di recupero che rende il tutto unico e molto originale!
    Bravissima come sempre!
    Un abbraccione
    Maria

    RispondiElimina
  11. Hai fatto un lavoro da certosino! Bravissima, ancora una volta hai unito la creatività all' utilità
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  12. Che bello mi piace moltissimo! Ma sei proprio brava a fare tutto tu!!
    Mi hai fatto ricordare di quella volta che ho tentato un progetto simile per un vassoio ma avrei dovuto usare solo poche tessere di ceramica invece ho fatto di testa mia e l'ho riempito e alla fine il vassoio non si poteva nemmeno sollevare perchè pesava una tonnellata!!!!! Uno dei miei tanti pasticci! ^^

    RispondiElimina
  13. In Toscana c'è u proverbio che dice che i cocci rotti non si aggiustano, ma tu lo hai smentito! :)

    RispondiElimina
  14. Ciao Daniela, grande tutorial e il risultato finale è molto bello , direi unico. La tecnica del mosaico mi ha sempre affascinato, questo che tu hai realizzato con il riciclo è ancora più bello e vivo.
    Gio

    RispondiElimina
  15. Lavoro meraviglioso, tanta bravura e precisione...le tessere poi sono stupende! mi intriga parecchio ma so che non riuscirei mai a fare qualcosa del genere. Complimenti cara Dani

    Buona serata,
    Laura

    RispondiElimina
  16. Altro che se mi viene voglia di provare!! Ma io sono una gran pasticciona quindi per ora mi limito a leggere e rileggere il tuo post e ad ammirare il tuo bellissimo lavoro. Complimenti, un riciclo molto originale e ben realizzato! ;)
    Buon venerdì! :*
    Vale

    RispondiElimina
  17. Bellissimo!
    Che lavoro e che pazienza.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina

Grazie per il tuo tempo dedicato a lasciarmi un commento.
La tua opinione è preziosa affinché questo blog possa migliorare.
Leggo con vero piacere tutti i messaggi; rispondo direttamente via mail a ciascuno (perchè ciò sia possibile, controlla di non essere "no-reply").
Rispondo sul blog a domande precise la cui risposta potrebbe essere utile anche per altri lettori.
Daniela

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...